App per incontrare persone

Internet, grazie a chat e social network, è diventato uno strumento sempre più facile per organizzare incontri sessuali tra sconosciuti: ” Badoo” o “Match”, ad esempio, richiedono un minimo di conversazione e conoscenza prima di stabilire un incontro.

Interessante è “Pure”, applicazione sviluppata di recente, che ha come unico obbiettivo l’incontro sessuale senza alcun preambolo. Non è ancora scaricabile su “App Store” o “Google Play”, ma è in attesa di essere approvata.
L’applicazione garantisce la massima tutela della privacy: le chat tra gli utenti vengono eliminate dopo 60 minuti e possono essere visionati solamente i profili per i quali è stato dato il consenso. “Pure” ha stabilito che il primo incontro debba avvenire in un luogo pubblico, ed è obbligatorio lasciare un “feedback” positivo o negativo sulla persona che si è incontrata, allo scopo di informare gli altri utenti nell’ipotesi in cui si avverassero situazioni sgradevoli.

sito incontri di sesso

 

—–  VISITA IL SITO DI SESSOPERFETTO  —-> 

—–  PER INCONTRARE ADESSO   —->

Un’altra app è “Bang with friends”, disponibile su iPhone e su Android; l’applicazione, la più utilizzata negli USA e in Europa, ha lo scopo dichiarato di fare sesso senza preliminari.

La più utilizzata dagli studenti universitari americani è però “Tinder”, progettata per conoscere persone iscritte a Facebook che abitano nelle vicinanze, interessate a un incontro sessuale.

I più timidi possono, invece, scaricare “Let’s Date” per creare un biglietto da visita con le proprie informazioni più interessanti, dalle passioni ai tatuaggi sul corpo, per poi darsi appuntamento con altri iscritti.

Il social “Grindr” è però, forse, quello di maggior successo: con 6 milioni di iscritti, è utilizzabile sui dispositivi “iOs”e “BlackBerry”. Si rivolge a uomini gay e bisessuali ed mette in contatto l’utente con persone che si trovano nelle vicinanze. E’ possibile che a breve ci possa essere anche una versione per gli eterosessuali.

Be Sociable, Share!
Updated: 17 Aprile 2019 — 19:12